La semplificazione nella gestione del fisco coinvolge anche gli enti no-profit

Una pagella per il Terzo Settore: l'Agenzia delle Entrate disporrà di un nuovo sistema valutativo/premiale

Il 28 dicembre il Ministero dell’Economia aveva ratificato l’introduzione di nuovi 160 ISA (Indici Sintetici di Affidabilità) per lo svolgimento della riscossione fiscale, in aggiunta ai 69 introdotti nel marzo scorso.

Lo scopo della normativa, estesa ad una vasta categoria di imprese, è la semplificazione nella determinazione e gestione del devolvibile da parte degli enti.

Gli ISA sono calcolati mediante una scala di valori con cui l’Agenzia delle Entrate potrà verificare normalità e coerenza della gestione aziendale e professionale dei contribuenti definendone il grado di affidabilità con un voto da ‘1’ a ‘10’.

Mediante tale sistema, riceveranno voti, in merito al loro rapporto con l’Agenzia delle Entrate, anche gli enti del Terzo Settore. Un peso determinante nella risultante ISA sarà assegnato alla regolarità nei pagamenti.

Ad un valore più alto sarà riconosciuto un premio direttamente proporzionale al soggetto virtuoso. In particolare, si menzionano l’esonero dal visto di conformità per rimborsi e compensazioni, sino a una determinata soglia, non applicazione del redditometro, nonché l’esonero dal visto di conformità per la compensazione dei crediti Iva fino a 50 mila euro, l’esonero dal visto di conformità per la compensazione dei crediti da imposte dirette e Irap fino a 20mila euro, l’esonero dal visto di conformità in caso di rimborsi Iva fino a 50mila euro. La valutazione ‘10’ potrebbe garantire, persino, l’esonero da successivi accertamenti sintetici. Da tale sistema sono esclusi i soggetti condannati per reati penali.

Riguardo il Terzo Settore, dalle valutazioni tramite ISA saranno esentate le associazioni non commerciali che optano per la determinazione, le organizzazioni di volontariato di promozione sociale che applicano, le imprese sociali che optano per il regime forfettario e le società cooperative, società consortili e consorzi che operano esclusivamente a favore delle imprese socie o associate e delle società cooperative costituite da utenti non imprenditori che operano esclusivamente a favore degli utenti stessi.
(A.S.)
news
La posizione delle ASD e SSD di fronte alla riforma del Terzo Settore
22-12-2018
Secondo quanto già previsto dalla Riforma del Terzo settore, come da testo dei dlgs. 112/2017 e 117...leggi tutto
Attività formativa per Enti del terzo settore
08-11-2018
ALESSANDRIA – Prosegue l’attività di formazione del CSVAA proposta agli Enti del Terzo Settore....leggi tutto
Data integration: arriva il «passaporto digitale» per il Terzo Settore firmato Italia non profit
08-11-2018
Che farsene di un documento? Tante cose, soprattutto se facilita la vita e riduce le disuguaglianze ...leggi tutto
Riforma del Terzo Settore: come cambieranno le Associazioni?
08-11-2018
Fornire supporto alla propria rete associativa, ma anche agli altri Enti che fanno riferimento alla ...leggi tutto
Terzo settore: fino al 30 novembre le domande per i contributi
08-11-2018
Livorno – Fino al 30 novembre 2018 le associazioni e gli altri soggetti del Terzo Settore possono...leggi tutto
Terzo settore: 62 milioni per iniziative di livello nazionale e locale
08-11-2018
(Regioni.it 3476 - 18/10/2018) “Le Regioni hanno dato l’intesa all’atto di indirizzo con cui s...leggi tutto